mercoledì 12 marzo 2008

USA: Perché non voterò per Obama





USA: Perché non voterò per Obama by Wayne Price


- (NEFAC - a titolo personale) Monday, Mar 10 2008, 12:35pmdrwdprice@aol.comnorth america / mexico / the left / opinion/analysis o per Hillary, e certamente non per McCain, e neppure per Ralph Nader
Negli Stati Uniti si è sviluppato un movimento entusiasta di sostenere il senatore Barack Obama, come candidato democratico alle elezioni presidenziali. Egli riesce a mobilitare ampie forze, specialmente tra i giovani adulti, ma riceve anche un grande sostegno dagli ambienti di sinistra: dai liberali ai socialdemocratici, agli stalinisti. Benché io apprezzi l'aspetto movimentista di questo appoggio popolare, personalmente no, non voterò per lui. [ English]


Perché non voterò per Obama
o per Hillary, e certamente non per McCain, e neppure per Ralph Naderun


Punto di vista anarchico sulle elezioni U.S.A.
Negli Stati Uniti si è sviluppato un movimento entusiasta di sostenere il senatore Barack Obama, come candidato democratico alle elezioni presidenziali. Egli riesce a mobilitare ampie forze, specialmente tra i giovani adulti, ma riceve anche un grande sostegno dagli ambienti di sinistra: dai liberali ai socialdemocratici, agli stalinisti. Benché io apprezzi l'aspetto movimentista di questo appoggio popolare, personalmente no, non voterò per lui. Non intendo convincere i miei amici, i miei familiari oppure i miei colleghi di lavoro a non votare per lui, ma mi piacerebbe cambiare il loro modo di pensare. E' tipico dei liberali & co. all'inizio della campagna elettorale dichiarare che il candidato democratico sia il "male minore" (ammettendo così che il lui o la lei candidato sia comunque un male). Ma più le elezioni si avvicinano, più aumenta il convincimento della bontà del candidato. (In psicologia si chiama operazione di dissonanza cognitiva. Dopo tutto, come si può ammettere con se stessi che si sta appoggiando in qualche modo il male? Per cui ci si autoconvince che quello che era il male minore è in realtà il politico buono.)




Wayne Price (NEFAC - Northeastern Federation of Anarchist Communists; a titolo personale)


Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali
www.fdca.it

http://fdca-palermo.blogspot.com/ Sez. "delo Truda" ( La causa del lavoro) FdCA Palermo

Nessun commento: